Come creare GIF da foto con Adobe Photoshop – Guida

Condividi

SOMMARIO ARTICOLO – Graphics Interchange Format: questo è il significato del termine GIF, ovvero un formato di file immagine compresso che permette le animazioni. Abbiamo già trattato l’argomento con un tutorial su come creare una gif da zero (lo trovi qui), oggi vogliamo mostrarvi come creare GIF da foto esistenti. Pronti per animare la nostra immagine e condividerla sui social o per divertirci in famiglia o tra amici? Andiamo!

Convertire immagini statiche in GIF?

Partiamo dalle basi, è possibile convertire un’immagine statica in GIF animata? Beh, la risposta è ni. Mi spiego meglio; esistono diversi tools online, anche ben funzionali, che ti permettono di prendere una qualsiasi immagine ed animarla con animazioni pre-impostate dall’applicazione in questione.

Uno di questi tool è animizer. Siamo sinceri, sono tools che fanno il loro lavoro, ma se vogliamo qualcosa di più accurato ed adatto alle nostre esigenze, allora è bene iniziare a familiarizzare con gli strumenti di Photoshop, specialmente quelli che gestiscono le animazioni.

Mettiamo caso che io voglia animare l’immagine seguente :

creare gif da foto
L’immagine scelta per il tutorial di oggi. Chiameremo il nostro amico Rodolfo Brambilla

Ecco, magari vorremmo aggiungere al nostro amico, che chiameremo simpaticamente Rodolfo Brambilla, un sigaro ed un paio di occhiali, e perché no? animarli.


Creare gif da foto

Esattamente come “l’animazione classica”, una GIF animata contiene una serie di immagini statiche riprodotte in sequenza, al fine di offrire l’illusione del movimento (basta prendere una comune GIF dal web, aprirla su Photoshop e vedremo i vari fotogrammi separati che compongono l’animazione, frame che costruiremo nelle righe successive.)

Step 1 – Impostare risoluzione e dimensioni documento Photoshop

Al fine di evitare una GIF di qualità scadente (se ne vedono tante, quindi evitiamo di caderci anche noi) ed evitare che le dimensioni dei video o delle immagini comandino le dimensioni del nostro documento, rendendolo magari più grande del necessario (con conseguente bassa qualità), è bene impostare prima le dimensioni del documento: per un’immagine di circa 800 x 500 px.

Dimensioni

Per il lavoro in questione lavoreremo con un banner ad GIF, con linee guida di dimensionamento standard; assicurandoci le l’unità su cui stiamo lavorando sia in pixel, abbiamo scelto un layout 800 x 500.

Risoluzione

150, al fine di mantenere la risoluzione il più bassa possibile, potrebbe andare. Anche qui, assicuriamoci che si settino le impostazioni in pixel!

Modalità colore

Il nostro lavoro è destinato allo schermo, quindi al digitale, impostiamo la modalità RGB e premiamo “Crea” per iniziare un nuovo documento. Ecco di seguito i settaggi del file :

creare gif da foto step 1

Step 2 – Importiamo i file in Photoshop

Se intendi creare una GIF utilizzando immagini esistenti, allora segui il passaggio di seguito “Creare una GIF da Immagini Fisse”, qualora intendi creare una gif da zero, allora puoi anche dare un’occhiata a questo nostro tutorial.

Creare una GIF da foto

Andiamo su “File” -> “Script” -> “Carica file in serie” e sulla finestra “Carica livelli” che apparirà clicchiamo su “Sfoglia”; da qui si aprirà la finestra che ci permetterà di caricare le immagini desiderate, in questo caso quindi caricheremo l’immagine di Rodolfo, il sigaro e gli occhiali in serie. Penseremo tra un po’ a sistemarli ed animarli. Dopodiché clicchiamo su “Apri” e “Ok” nella finestra successiva (i file scelti verranno caricati su un documento separato; da qui è possibile selezionare tutti i livelli e importarli nella zona lavoro, quindi nel documento a cui stiamo lavorando).

convertire immagine statica in gif
Le immagini che dobbiamo animare importate in serie

Creare una GIF da video

Qui basta semplicemente convertire: “File” -> “Importa” -> “Fotogrammi video su livelli”.

Step 3 – Apriamo la finestra “Timeline” (sequenza temporale)

Dobbiamo aprire un pannello nella zona centro/inferiore della tela e per farlo andiamo su “Finestra” -> “Timeline”. Adesso, clic sulla freccia al centro del pannello al fine di aprire il menu a discesa per selezionare “Crea animazine fotogramma”.

Step 4 – Converti i livelli in fotogrammi

A questo punto avremo già impostato il nostro primo fotogramma composto da tutti i livelli visibili nel nostro documento. Adesso dobbiamo riempire la timeline con più fotogrammi al fine di simulare il movimento, e abbiamo due scelte: importare i fotogrammi preparati oppure crearla da zero, sempre in Photoshop. Di seguito ci limiteremo alla prima, caricando i fotogrammi precedentemente preparati.

Se abbiamo già impostato immagini fisse o sequenziali in anticipo andiamo sull’icona nell’angolo in alto a destra del pannello Timeline, clic su “Crea fotogrammi da livelli” e vedremo la timeline riempirsi di fotogrammi dai nostri livelli. Per il nostro scopo non c’è bisogno, possiamo anche creare i fotogrammi manualmente, come spiegato di seguito.

Step 5 – Impostiamo i livelli da animare

Se avessimo bisogno di regolare parti dell’animazione create nello step 4, o non avessimo impostato le immagini fisse in anticipo, potremmo creare la nostra animazione manualmente frame per frame.

Innanzitutto spostiamo gli elementi che dobbiamo animare (in questo caso sigaro e occhiali) in corrispondenza con il tipo di animazione che intendiamo fare. Ciò significa che se dovessimo, ad esempio, scegliere di utilizzare un effetto fade, quindi con gli occhiali ed il sigaro che diventano visibili gradualmente, ci basterà posizionarli esattamente dove dovrebbero apparire, quindi gli occhiali sul viso e il sigaro tra le labbra. In questo caso noi abbiamo scelto di creare un effetto a comparsa, quindi fare in modo che gli occhiali ed il sigaro compaiano e si posizionino in automatico.

Per fare questo dobbiamo prima posizionare gli elementi al di fuori del quadro immagine, quindi procediamo come segue :

  1. Assicuratevi di selezionare il livello degli occhiali
  2. Posizionate gli occhiali sul viso di Rodolfo
  3. Trascinateli in su, tenendo premuto shift sulla tastiera, in modo che escano al di fuori del quadro immagine :
creare gif da foto
Selezioniamo il livello relativo agli occhiali e trasciniamoli in su, in modo che non siano più visibili sul quadro immagine

Ripetiamo lo stesso processo per il sigaro, ma in questo caso invece di spostarlo in su lo sposteremo sulla destra, al di fuori del quadro immagine :

creare gif da foto step 3
Ripetiamo il processo spostando il sigaro sulla destra, al di fuori del quadro immagine

L’immagine, con il primo fotogramma selezionato, dovrà apparire in questo modo, quindi con gli elementi che andremo ad animare non visibili nel primo fotogramma :

creare gif da foto step 4
L’immagine dovrà risultare con gli elementi che animeremo non visibili nel primo fotogramma

Step 6 – Creiamo ed animiamo i fotogrammi

A questo punto non ci resta che procedere con l’animazione vera e propria. Innanzitutto duplichiamo il nostro unico fotogramma iniziale, per farlo vi basterà selezionarlo e cliccare sull’icona “+” in basso nella timeline. Una volta duplicato il primo fotogramma inizieremo a lavorare sulla prima animazione, ovvero sugli occhiali. Procediamo come segue :

  1. Assicuriamoci che il secondo fotogramma sia selezionato
  2. Selezioniamo il livello relativo agli occhiali
  3. Spostiamo gli occhiali verso il basso di un paio di pixel, non portiamolo fino al punto di origine, portiamolo circa a metà :
creare gif da foto step 5
Selezioniamo il secondo fotogramma creato e spostiamo gli occhiali leggermente verso il basso

Ripetiamo il procedimento, quindi duplichiamo l’ultimo fotogramma creato (in questo caso il secondo), selezioniamo il livello occhiali e spostiamolo verso il basso, ripetiamo per l’ultima volta fino a far arrivare gli occhiali al punto di origine :

creare foto da gif step 6
Ripetiamo il processo fino a far arrivare gli occhiali dritti sul viso del nostro Rodolfo Brambilla

Possiamo anche impostare il tempo, ma al momento vi sconsiglio questa opzione se non avete dimestichezza con le animazioni di Photoshop. In ogni caso se voleste procedere, allora disponete il tempo in secondi, con la freccia “a tendina” accanto, nella parte inferiore di ogni frame: questo è il timer di ritardo. Clicchiamo sulla freccia sopra citata e decidiamo il tempo che si desidera visualizzare a schermo. Possiamo impostare la durata dei fotogrammi – singolarmente, più d’uno contemporaneamente o interamente – selezionando quelli necessari e utilizzando, per ognuno di essi, il menu a discesa (una serie corposa di fotogrammi con brevi ritardi sono il segreto per rendere uniformi le animazioni; utilizzare, di contro, pochi fotogrammi e lunghi ritardi creerà un effetto scatto, a meno chè non lavoriamo in maniera più avanzata con le interpolazioni, ma di questo ce ne occuperemo in un’altra guida. Teniamolo a mente, ok?)

Non appena avete finito di animare il livello occhiali, passiamo a quello del sigaro ; la procedura è praticamente identica a quella sopra, solo che invece di spostare il livello verso il basso lo dobbiamo spostare da destra verso il punto di origine, quindi le labbra, quindi procediamo come segue :

  1. Duplichiamo l’ultimo fotogramma che abbiamo disponibile
  2. Trasciniamo il sigaro da destra verso sinistra ma non portiamolo al punto di origine.
  3. Piuttosto ripetiamo il processo per altre due volte fino a far arrivare il sigaro tra le labbra di Brambilla :
creare gif da foto step 7
Ripetiamo il procedimento fatto con gli occhiali anche per il sigaro

Passaggio 7 – Impostiamo il numero di ripetizioni

Se vogliamo che l’animazione vada avanti, una, due o più volte (quante ne desideriamo), dobbiamo recarci nel pannello degli strumenti sotto la timeline, in cui troveremo l’impostazione dei loop.

Nota* Puoi decidere di utilizzare l’animazione una sola volta, ma in caso decidessi di riprodurla sempre, quindi in loop, allora ti consiglio settare il tempo dell’ultimissimo fotogramma creato con un paio di secondi di ritardo (io ho scelto 5 secondi), questo per evitare che il loop sia troppo sequenziale e creare fastidi inutili. In questo modo l’animazione si fermerà con occhiali e sigaro al punto giusto.

Passaggio 8 – Visualizziamo l’anteprima

Abbiamo la possibilità di visualizzare l’anteprima dell’animazione appena creata, tramite il pulsante di riproduzione posto nel pannello degli strumenti della finestra di timeline. Utilizziamo questa opzione per assicurarci che l’animazione sia quella da noi voluta e non presenti alcun problema (se così non dovesse essere cerchiamo di lavorare con il ritardo o con l’aggiunta di frame, fino ad ottenere quello per cui abbiamo lavorato. Viceversa, possiamo utilizzare questa opzione per rimuovere quanti più frame possibile senza interrompere quella illusione di movimento che la GIF ha creato, ottenendo al contempo la dimensione di file più bassa possibile.)

Passaggio 9 – Esportiamo il documento come GIF

Partiamo col salvataggio del PDF innanzitutto. Poi, possiamo iniziare con l’esportazione del lavoro finito andando su “File” -> Esporta” – “Salva per Web (Legacy)” – oppure “File” -> “Salva per Web e Dispositivi”, dipende dalla versione di PS che possediamo; adesso apparirà la finestra di esportazione ma non facciamoci confondere le idee da tutte queste opzioni che visualizziamo, ce ne serviranno poche.

Innanzitutto, impostiamo il file su “GIF” nel menu a discesa in alto a destra. A parte questo dovremo settare alcuni passaggi al fine di alleggerire il file, diminuendo la quantità di dettagli, senza impattare sulla qualità dell’immagine: rimaniamo al di sotto di 1 MB (anche se fino a 4/5 MB sarebbe fattibile, comunque evitiamo di arrivarci), la dimensione possiamo visualizzarla in basso a sinistra, nell’angolo del pannello che conterrà l’immagine in anteprima.

Vi consiglio di utilizzare i settaggi seguenti , nota che ogni file è diverso, quindi i settaggi cambiano da file a file. per questa particolare GIF i settaggi seguenti sono ottimi e ci fanno restare sotto i 180kb:

creare gif da foto - esportare gif photoshop
Esportiamo la GIF appena creata

Riduciamo le informazioni sul colore

Qui potremmo trovare informazioni non necessarie, causa principale dei file di grandi dimensioni; dobbiamo regolare, al fine di ridurlo, il numero totale di colori nel menu a discesa “Colori” e riduciamo il dither – la fusione di pixel che crea l’ombreggiatura in modo uniforme; mentre riduciamo, diamo sempre un’occhiata all’anteprima dell’immagine in modo che non venga influenzata la risoluzione.

Convertiamo in Standard RGB

Standard RGB (o sRGB) vanta una più ristretta gamma di colori rispetto ad Adobe RGB, quindi assicuriamoci di selezionare la summenzionata casella.

Salviamo il lavoro

Nel momento in cui ci riteniamo soddisfatti del lavoro, dei settaggi e dei risultati in generale, possiamo salvare il tutto premendo su “Salva” in calce alla finestra (possiamo anche fare la prova del nove: apriamo una pagina nel nostro browser e trasciniamo nella casella dell’URL la GIF finita; in questo modo possiamo visualizzarne l’anteprima.)

Step 10 – Condividiamo la nostra GIF

Adesso non soltanto possiamo utilizzare la nostra GIF per farne ciò che vogliamo (come nuova “firma” sulle piattaforme sociali; per farci quattro risate in famiglia o in compagnia o per quel che crediamo) ma abbiamo anche le capacità per trasformare in GIF quasi tutto. Naturalmente ci tengo a precisare che questo lavoretto ha creato una GIF molto, molto elementare; il mio scopo è stato quello di dare la possibilità agli utenti amatoriali di potersi prendere la soddisfazione di creare un progetto.

creare gif da foto
La nostra immagine GIF finita

Una GIF creata per scopi professionali è ben altro, un lavoro che dovrebbe essere deputato ad un professionista se non sappiamo dove mettere le mani, e adesso che ci stiamo lavorando su possiamo facilmente capire cosa voglio dire. Sì, è vero, l’apprendimento software può essere relativamente semplice ma la grafica e l’animazione professionale o semi-professionale richiede anni di apprendimento e pratica. Comunque sia, se il nostro scopo era fare uno scherzo ad un amico o condividere la GIF sui social, questo progetto andrà benissimo quindi prendiamolo e condividiamolo.

Buona fortuna!

Informazioni Autore

Maniscalco Filippo

Blogger, copywriter, project manager. Propositivo e dedito al lavoro, gestisce ogni progetto con passione e dedizione. Appassionato di lettura, scrittura e musica. contatti
DESIGNTEGRATOR.COM | © 2020 | Cookie e Privacy | Agenzia Grafica - Sede di Palermo