I migliori tools di Google per sviluppo e progettazione.

Condividi

i migliori strumenti google

Google offre una miriade di prodotti e strumenti interessanti, molti dei quali gratuiti. Anche se le lamentele per gli aspetti negativi dell’azienda (come le parti che minacciano la nostra privacy o monopolizzano il web) piovono da diverse parti, non vi è dubbio che non smette di sorprenderci e venirci incontro. Oggi vedremo quali sono i migliori tools di google, elencheremo una serie di strumenti validi e interessanti, andiamoli a scoprire.

I migliori tools di google – Polymer

Polymer, la libreria JavaScript open source per la creazione di applicazioni web con l’ausilio dei componenti web, viene fornita a corredo di strumenti che corrono in aiuto a sviluppatori e progettisti, sfruttando Componenti Web, Service Workers e HTTP / 2 .

Con i componenti web (caratteristica principale del tool) possiamo utilizzare in modo efficace framework di ogni tipo, condividere su qualsiasi sito elementi personalizzati e lavorare con qualsiasi browser e i suoi elementi incorporati. PWA Starter Kit e LitElement rendono Polymer semplice da utilizzare e, qualora lo volessimo, potremmo creare interamente, da Web Components, la nostra app.

i migliori strumenti google

I migliori tools di google – Lighthouse.

Lighthouse è uno strumento – opensource – atto a migliorare la qualità delle pagine e ci consente il loro controllo per SEO, accessibilità, prestazioni e altro ancora. Possiamo utilizzarlo con ChromeDevTools dalla riga comando o come modulo Node. In Chrome, invece, andiamo sull’url (qualunque) che desideriamo gestire, apriamo DevTools e selezioniamo la scheda “Audit”; dopo l’esecuzione avremo un rapporto molto approfondito sulla pagina che abbiamo deciso di controllare; grazie al rapporto (ognuno di essi ha con se un documento informativo sull’importanza di tale controllo, mostrandoci i passaggi necessari per risolverlo) potremo visualizzare quali parti della pagina web dovranno essere ottimizzate. I rapporti possono anche essere condivisi online come file GitHub e JSON.

Altra funzionalità inclusa in Lighthouse è Stack Packs, che gli consente di rilevare la piattaforma sulla quale il sito è costruito visualizzando anche specifici consigli basati sullo stack.


La punta di diamante, il servizio dei servizi di analisi: Analytics. Installato – gratuitamente – con pochi Java sul nostro sito ci offrirà la possibilità di visualizzare ogni dettaglio sull’utenza del sito; da dove provengono, a quale browser utilizzano e molto altro.

I migliori tools di google – Flutter

Flutter, un toolkit gratuito e open-source per la creazione di applicazioni native per mobili, desktop e Web da una singola base di codice e funziona con il codice esistente, una delle parti migliori del tool. L’architettura a più livelli ci offre un design flessibile e un rendering veloce e ilwidget personalizzabile ci consentirà, in pochi minuti, la creazione di interfacce native.

Grazie ai widget potremo aggiungere funzionalità come navigazione, scorrimento, caratteri e icone al fine di fornire prestazioni complete e native sia su Android che su iOS.

i migliori tools di google

Con la funzione hot reload potremo correggere i bug più velocemente, aggiungere nuove funzionalità e creare interfacce utente. Il tool permetterà la compilazione del codice Flutter in codice macchina ARM nativo con l’utilizzo dei compilatori Dart.

Le ampie librerie API di Google disponibili per gli sviluppatori a volte possono essere un po’ complicate da trovare, e qui viene in aiuto Google API Explorer che consente agli sviluppatori una faicile individuazione delle librerie. L’elenco completo lo si può trovare nella pagina web di Google API Explorer scorrendo l’elenco, o utilizzando la casella di ricerca per filrare.

La sua parte migliore sta sicuramente nel fatto che ogni collegamento a una pagina di riferimento include maggiori dettagli su come si utilizza l’API.

I migliori tools di google – Puppeteer

Puppeteer consente agli sviluppatori di controllare qualsiasi browser basato sul protocollo Chrome DevTools ed eseguire azioni comuni. Il progetto del team di Chrome è anche una libreria Node e fornisce un’API di livelloper il lavoro Chrome headless.

Utile anche per automazione di pagine, test e scraping, con Puppeteer possiamo testare le estensioni di Chrome, automatizzare l’invio di moduli, generare contenuti pre-renderizzati, generare screenshot e PDF di pagine, testare l’interfaccia utente ed eseguire la scansione di applicazioni a pagina singola.

i migliori tools di google

Utile per svilluppatori principianti o avanzati, i codelab di Google Developer Codelabs, che si presenta con un sito suddiviso in diverse sessioni tutorial su diversi argomenti, forniscono un’esperienza di codifica guidata e pratica. Grazie ai tutorial presenti sulla piattaforma possiamo imparare a creare applicazioni partendo da zero. I tutorial presenti includono API di Google su iOS, Ricerca, Google Compute Engine, G Suite, TensorFlow, Analytics e Virtual Analytics.

Color tool

Color Tool è uno strumento facile da utilizzare e utile per i web designer, che rende loro semplice la creazione, condivisione e applicazione dei colori all’interfaccia utente (ve ne sono sei), controllando qualunque combinazione di colore (250 i colori presenti) prima dell’esportazione in tavolozza.

I migliori tools di google – Workbox

Workbox è un insieme di moduli Node e Librerie JavaScript; i Node vanno in soccorso agli utenti per la creazione di applicazioni Web progressive e snelliscono le procedure di memorizzazione delle risorse nella cache, e le librerie semplificano l’aggiunta del supporto offline alle app web.

Workbox ci aiuterà a rendere la nostra pagina web più veloce, consumando minor spazio di archiviazione, grazie all’aggiunta di una regola rapida che consente la memorizzazione di caretteri, immagini, JavaScript e file CSS di Google nella cache. Possibile inoltre la pre memorizzazione in cache dei file nella app web utilizzando il modulo Node, il plugin webpack o la loro CLI.

i migliori strumenti di google
Google developers – Workbox

I migliori tools di google – Pagespeed insights

Con PageSpeed Insights andremo ad analizzare il contenuto di una pagina web ricevendo indietro un rapporto su come renderla più veloce.

(sul report vi sarà anche il comportamento della pagina web da noi scelta su dispositivi desktop e mobili e, nella parte superiore, troveremo un punteggio riepilogativo sull’andamento della pagina).

google pagespeed insight
Google pagespeed insights

Amp on Google

Amp on Google, per per migliorare le pagine AMP su Google, è un framework di componenti per la creazione di email, annunci, siti web e altro ancora. Uno dei suoi vantaggi sta nel caricamento, quasi istantaneo, delle nostre pagine web su qualunque piattaformae dispositivo.

google amp
Google Amp è sicuramente tra i migliori tools disponibili

Window resizer

Window Resizer è un’estensione per Chrome che consentirà di ridimensionare la finestra del browser. Potrai verificare il responsive design tramite diverse risoluzioni dello schermo; oltre alla possibilità di personalizzarle, le dimensioni offerte sono laptop, desktop e mobili.

window resizer
Google Chrome window resizer

Informazioni Autore

Maniscalco Filippo

Blogger, copywriter, project manager. Propositivo e dedito al lavoro, gestisce ogni progetto con passione e dedizione. Appassionato di lettura, scrittura e musica. contatti
DESIGNTEGRATOR.COM | © 2020 | Cookie e Privacy | Agenzia Grafica - Sede di Palermo