Le migliori strategie e tecniche vincenti per il SEO

Condividi

strategie vincenti per il seo
Strategie SEO ed hack.

L’ottimizzazione per i motori di ricerca porta con se un mondo pieno di hack e scorciatoie, utilizzati da una moltitudine di persone nel tentativo di far crescere il proprio business. Oggi andremo, dunque, a vedere le migliori strategie e tecniche vincenti per accrescere il tuo livello SEO.

La conferma di quanto appena scritto possiamo trovarla con una semplice ricerca su Google, alla termine della quale troveremo pagine su pagine piene di trucchi e suggerimenti atti ad ottenere i migliori risultati SEO nel minor tempo possibile.

E’ chiaro: la conoscenza di trucchi per il SEO sarebbe più che redditizio (una volta si diceva “come fare tredici al Totocalcio…”) ma, sfortunatamente, la situazione non è così semplice. Diciamo che strategie e tecniche seo cozzano un po’ con questo termine (trucchi).

Il SEO, nella sua essenza, non ha a che fare con hack o scorciatoie ma con l’allocazione delle risorse. Nelle righe che seguono andremo a scoprire il perché.

Prima degli hack dedicati ad altro

Prima di passare alle risorse dedichiamo una parentesi agli hack. Il motivo per cui gli hack SEO facili e veloci, di cui abbiamo letto online o ne abbiamo sentito parlare in qualche video tutorial, non sono poi così affidabili come potrebbero sembrare.


strategie vincenti per il seo
dedicati a strategie vincenti piuttosto che semplici hack

Sì, in realtà ci sono strategie seo vincenti e hack tradizionali su cui molti puntano e sarebbero pronti a giurarci sopra. La realtà è che il SEO è diventato troppo competitivo affinché questi hack possano funzionare.

Dunque: hack che tutti più o meno conoscono, alla portata di chiunque con una semplicissima ricerca, significa che non aiuteranno per nulla a far crescere il nostro sito.

Facendo un esempio: l’utilizzo delle parole chiave, che molti decidono di inserire ovunque all’interno del proprio sito web senza che vi fosse dietro una strategia o una pianificazione adeguata. Anni fa la suddetta strategia avrebbe portato a risultati eccellenti ma oggi, purtroppo, non è più così.

Quindi, ciò che mi permetto di consigliarvi in queste righe è di concentrarvi sulle risorse e sulle strategie, oltre che sulle tecniche, nello sviluppo del vostro piano SEO. Tralasciamo – o quantomeno diamo pochissima importanza e lasciamo per ultimo – il fattore hack.

Dobbiamo tenere a mente che queste scorciatoie, per quanto allettanti, non ci porteranno lontano. Inoltre non sono paragonabili a quelle che possono essere delle vere strategie seo vincenti; al traguardo ci arriveremo grazie all’allocazione delle risorse, concentrandoci inizialmente su:

  • La consapevolezza di cosa abbiamo
  • Chi sono i nostri concorrenti
  • I punti di forza che possiamo raddoppiare

Basiamo le strategie SEO sulle risorse della nostra azienda

Sopra abbiamo parlato di allocazione delle risorse; starete pensando “ok, mettiamo da parte gli hack per l’allocazione delle risorse. Ma cosa significa?”. Andiamo a scoprirlo allora.

Il SEO si erge e va avanti grazie a questi pilastri:

  • Link building e referral domains
  • Sviluppo e marketing di contenuti
  • SEO tecnico

Molte aziende si trovano a fronteggiare il problema del budget sempre più limitato per il marketing digitale e il SEO; non possiamo provare tutti gli hack o inventarci qualcosa, sperando che possa darci indietro risultati positivi. Dobbiamo invece essere metodici e comprendere quali strategie possiedono il maggior potenziale e vale la pena quindi di esplorare.

Ogni azienda, o team SEO, deve fronteggiare la sfida con la limitazione delle risorse rispetto alle operazioni possibili e questo ci porta ad alcune domande.

Una di queste riguarda quale mix di questi pilastri ci offrirà la possibilità di scalzare i nostri concorrenti e un posizionamento il più in alto possibile.

Sviluppiamo le strategie in base ai nostri innati punti di forza

Un errore comune a molti è il mettere in pratica, dalla A alla Z, strategie seo vincenti imparate dopo aver letto articoli sull’argomento o sentito parlare di casi di studio più o meno sorprendenti.

Tuttavia potrebbero far riferimento ad una specifica strategia ottimizzata per un argomento specifico.

Quindi, cerchiamo di prendere idee che più si adattano ai nostri punti di forza intrinseci; di seguito analizzeremo alcuni di questi punti di forza che un’azienda dovrebbe (o potrebbe) avere.

Una rete forte

Alcune aziende non possiedono le risorse per un team di sviluppo dei contenuti interno, o per esternalizzare i servizi di scrittura, ma possono contare su di un altro punto di forza: penetrare nella comunità, parlare e ricevere attenzione.

La fortuna (o la bravura) di aver creato una rete fitta e corposa nel corso degli anni e poter utilizzare un approccio di backlinking.

Quando lavori con aziende che vantano una presenza forte, vistosa, all’interno della comunità cerca di proporre i loro contatti rilevanti per relatori e post di ospiti.

Getta le basi per la costruzione di una forte leadership di pensiero indirizzando, allo stesso tempo, i link verso il loro sito web.

Per tutti coloro, aziende o utenti, che sentono di non avere le possibilità per sviluppare una forte strategia di backlinking è consigliabile imboccare un’altra strada. Cerchiamo di investire di più sulle strategie e sulle tecniche SEO (di seguito ne parleremo).

Se il nostro cliente può vantare un team determinato e pronto a mettersi all’opera, concentriamoci allora sulla produzione di una vasta gamma di contenuti per il suo sito web.

Il nostro obiettivo dovrà essere quello di creare una libreria di contenuti, più completa e corposa possibile, che possa offrire al cliente maggiori possibilità di posizionamento delle parole chiave, rafforzando la rilevanza del sito web per quelle specifiche parole chiave SEO.

Il nostro livello tecnico è alto?

Qui passiamo al terzo pilastro SEO; grazie alle conoscenze tecniche avanzate che possediamo, anche in caso di blanda presenza all’interno della community e/o in assenza di tempo o voglia per scrivere, possiamo adottare la tecnica SEO.

Soluzione indicata per i team tecnici in grado di creare siti, database ed esperienze utente in pochissimo tempo, adottata tipicamente dalle startup al lavoro su applicazioni che evidenzino il valore dell’utente/cliente.

Per intraprendere questa strada ci servono competenze tecniche; dovremo essere in grado di costruire le risorse di cui abbiamo bisogno, cercare di aumentarle e districarsi, gestendo grandi siti web, nel complesso ecosistema di Google.

strategie vincenti google per il seo
Google SEO strategie

Indipendentemente dal numero di pagine che possiamo vantare dovremo fare in modo che Google indicizzi correttamente tutte le nuove pagine che andremo a creare all’interno del sito web, assicurandoci che le stesse siano correttamente ottimizzate per le migliori parole chiave.

Inutile star qui a dire che la SEO tecnica è un’operazione complessa ma, se ben fatta, può portare il nostro SEO a crescere di dimensioni, nell’attesa che le parole chiave pertinenti inizieranno a classificarsi naturalmente.

Per concludere, è probabile che adotterai un mix dei tre pilastri.

Quando parliamo di SEO è bene comprendere che affinare i nostri punti di forza e accettare di non poter fare tutto, è la strada da dover percorrere.

Nel momento in cui intraprendiamo una campagna SEO concentriamoci su ciò in cui sappiamo di essere bravi e nella conoscenza delle risorse a disposizione (cercando di aumentare quelle che già padroneggiamo); questa è la strada da imboccare.

Concentrando la nostra attenzione e le nostre risorse su uno dei tre pilastri SEO – o su un mix di essi – aumenteremo sostanzialmente le possibilità di successo a lungo termine.

Questo, invece, non accadrà nel caso scegliessimo di utilizzare hack e scorciatoie varie (ho visto diverse persone scegliere di adottare queste ultime salvo poi rendersi conto che non funzionavano, vanificando i loro sforzi).

Una strategia SEO a lungo termine, ben pianificata, organizzata ed allocata, non solo garantirà un successo ciclico ma finirà col diventare una parte organica del nostro marketing, autosufficiente, e ci consentirà di continuare sempre a crescere.

Teniamo a mente una cosa: scegliere sempre l’allocazione delle risorse piuttosto che hack e scorciatoie.

Informazioni Autore

Salvatore Maniscalco

Designer, sviluppatore, creativo. Nel settore della comunicazione dal 2008, gestisce i progetti con l'entusiasmo del primo giorno. Appassionato di scrittura, lettura e musica. Contatti
DESIGNTEGRATOR.COM | © 2020 | Cookie e Privacy | Agenzia Grafica - Sede di Palermo