I migliori font da utilizzare in un sito web – guida ai web font

Condividi

SOMMARIO ARTICOLOAndiamo a vedere, in questa lunga carrellata, quali sono i migliori font da utilizzare per sito web, scegliendo sì quello che al tempo stesso, però, non distragga l’attenzione degli utenti dal nostro sito web.

La nostra lunga ed estenuante ricerca dei migliori font web, e web font safe, per il nostro marchio ci ha permesso di incontrare quello perfetto, il Comic Sans; alla fine, ci siamo resi conto che questi è troppo perfetto e che distoglie l’attenzione dell’utente da ciò che vogliamo loro comunicare. Se così fosse, quale altro carattere può rendere sorprendente il nostro sito web senza tenere per se tutte le attenzioni?

Nelle righe che seguiranno cercheremo di scoprire quali sono i migliori font per un sito web, da una carrellata dei più puliti e più sicuri.

Web font e web safe: qual è la differenza?

Prima di imbatterci nella scelta del carattere giusto bisogna precisare alcuni termini; qual è la differenza tra i font già installati sul nostro dispositivo e quelli che, invece, dobbiamo scaricare? Uno è conosciuto come “web safe font” mentre l’altro come “web font“.

  • Safe fonts: I caratteri sicuri per il web, noti anche come “caratteri del browser” o “caratteri di sistema”, sono quelli già installati su browser e dispositivi.
  • Web fonts: In modo vago, si riferiscono a caratteri commerciali o prodotti in modo indipendente.

Quindi, riepilogando, tutti i web safe fonts sono i più comuni, quelli già disponibili sui nostri personal computer o altri dispositivi e sui browser che tutti utilizziamo ogni giorno. I web fonts, invece, sono quelli non disponibili sui nostri dispositivi o browser e richiedono un download e un’installazione per poterli utilizzare.


Quale dovrei utilizzare nel design?

Beh, diciamo che entrambi hanno i loro vantaggi e svantaggi; per quel che riguarda il web design, che è il cardine di questo articolo, riguardo i Web Safe Fonts, uno dei vantaggi sta nel fatto che si caricano più velocemente, riducendo i tempi di caricamento del sito (ricordiamoci che questo fattore è importantissimo per la sopravvivenza di un sito web. Anche se si parla di pochi millisecondi, la questione è comunque da tenere in considerazione specie se il nostro sito possiede già qualche carenza riguardo i tempi di caricamento. Viceversa non rappresenterebbe una grandissima differenza).

Lo svantaggio riguarda la non unicità dei caratteri, il fatto che sono dei caratteri generici. Quindi, se desideriamo apportare stile o abilità artistica, dovremo cercare un altro font.

I Web Fonts sono invece presenti in gran quantità e sono costantemente ampliati. Possiamo ottenerne di personalizzati oppure scegliere da un corposo cestino di font preesistenti online; il loro principale vantaggio è l’originalità, ovviamente. Vi è un diagramma di David Gilbertson , che ci siamo permessi di rielaborare, che illustra, in modo perfetto, la scelta giusta da fare.

diagramma web font
Utilizzare un web font?

E riguardo l’estetica del carattere individuale?

La scelta tra i web font e i Safe font non sarà la nostra sola e unica; dovremo scegliere lo stile di tipografia che più si adatta al nostro marchio e alla funzione che svolge il nostro sito. Diversi caratteri funzionano meglio per lunghi blocchi di testo che per titoli accattivanti, senza considerare l’influenza che hanno sul nostro marchio e la percezione che gli utenti hanno di esso.

Di seguito, suddivideremo i caratteri in tre rami basati sulla loro estetica: Serif, Sans Serif e decorativi, spiegandone per ciascuno l’utilizzo consigliato e il modo in cui si legano all’identità del nostro marchio.

Serif: quando utilizzarli nel web design

Questi caratteri hanno una lunga storia legata alla tipografia; sono ottimi per i marchi più formali, più professionali, ma meno intuitivi per quelli più casual, a meno che non siano personalizzati. Indipendentemente da ciò che stiamo cercando, se un web font e web safe font, il serif gira meglio su quei marchi che vogliono apparire seri, fini. Quei marchi che vogliono trasmettere classe, autorità e raffinatezza. Esistono da tanto tempo e di conseguenza vanno perfettamente d’accordo con quel genere di marchio. Considerando tutto questo, il carattere verrà ovviamente percepito come troppo serio, troppo formale. Quindi, se il nostro sito va da tutt’altra, parte cerchiamo di accantonare l’idea visto che potrebbe confondere i nostri utenti.

Certo, non si può non sottolineare come i caratteri serif siano ottimi per la leggibilità, motivo per cui vengono comunemente scelti per sottotitoli, titoli e corpo del testo (questo non vuol dire che i sans serif siano controproducenti per la leggibilità. Funzionano alla grande su lunghi blocchi di testo). Sicuramente, se le migliori pubblicazioni al mondo come, ad esempio, il New York Times, utilizza ancora il serif per gli articoli digitali, non è un caso. Questi, come il Boston Globe, un’altro pilastro della stampa, hanno la propensione a stili formali promuovendo, al tempo stesso, testi di lunga durata.

Anche stile e dimensione dei serif sono fondamentali; quelli più grandi e sgargianti renderanno il nostro carattere più stilizzato. Quelli più piccoli sono meno formali e sono l’ideale se stiamo cercando una via di mezzo tra il serio e il divertente.

I migliori web safe font con serif

I migliori web font con serif

Sans serif: quando utilizzarli nel web design?

Quando parliamo di sans serif bisogna innanzitutto chiarire che ci troviamo all’esatto opposto del serif, sia per quel che riguarda la forma che per come si presenta all’utente; sans significa “senza”, quindi tutti i caratteri sono senza serif e si presentano come più casual, più spensierati. A scapito del decoro, sono progettati per semplicità e velocità e sono adatti per messaggi informali e per le conversazioni amichevoli. Quindi, il carattere sans serif implementato in un sito web, comunica in un certo senso la vicinanza allo spettatore; come se dicessimo loro “hey, siamo come te”. Si tratta di caratteri casual, perfetti per blog, pubblicazioni digitali e didattica.

Perfetti quindi per testo informale e complementare (post sui social, sottotitoli e didascalie di immagini, pubblicità web, eccetera) e funziona al meglio in un testo la cui lettura non è troppo impegnativa e può essere letta rapidamente. Non dimentichiamo però che bisogna capire in che modo la nostra utenza consuma i contenuti che desideriamo creare prima di decidere se implementarlo o meno.

I migliori web safe fonts sans serif

I migliori web font sans serif

Caratteri decorativi: quando utilizzarli nel web design?

Ci sono anche i caratteri decorativi, che possono essere serif o sans serif. Possono anche essere i migliori web fonts o web safe fonts per titoli e intestazioni, pensati per essere stilistici e artistici. La maggior parte della tipografia è pensata proprio per la funzione, ma questi lo sono per la spettacolarizzazione tant’è che danno il loro meglio come accenti ed evidenziazioni, citazioni evidenziate o titoli di articoli quindi. Cerchiamo comunque di non abusarne e utilizzarli con molta parsimonia; aggiungono sì personalità e creatività, ma cerchiamo di non esagerare. Non girano bene su lunghi blocchi di testo o didascalie di immagini né per le informazioni di contatto.

Questo genere di caratteri, vista l’adattabilità a ogni stile e personalità, funzionano benissimo combinati con serif e sans serif più semplici. Ricordiamoci soltanto una cosa e teniamola bene a mente: comunque sia, non dobbiamo mai sacrificare la leggibilità per l’aspetto; vanno bene fin quando il lettore capisce ciò che scriviamo, viceversa no.

I migliori web safe fonts decorativi

I migliori font web decorativi

Perché non usare comic sans?!

Chiaramente, la scelta del carattere giusto per il nostro sito web rappresenta una decisione molto importante; essa non soltanto determinerà il modo in cui l’utenza utilizzerà il nostro sito web, ma anche il modo in cui percepiranno il nostro marchio. Al fine di essere unici, nonché di acquisire autorità – e non solo – nel nostro web design, spesso si tratta di trovare il miglior web font piuttosto che il miglior web safe font. Il carattere giusto nel posto giusto influisce sugli elementi da subito visualizzati; non dimentichiamo che, se usati in modo strategico, aumenteranno le conversioni il tempo trascorso sul sito web insieme a una serie di obiettivi aziendali. In caso di dubbi, possiamo sempre utilizzare il comic sans, non credete?.

Buona fortuna!

Informazioni Autore

Maniscalco Filippo

Blogger, copywriter, project manager. Propositivo e dedito al lavoro, gestisce ogni progetto con passione e dedizione. Appassionato di lettura, scrittura e musica. contatti
DESIGNTEGRATOR.COM | © 2020 | Cookie e Privacy | Agenzia Grafica - Sede di Palermo